Ucraina: la Croce Rossa al fianco dei più vulnerabili

In Ucraina i bisogni umanitari sono immensi. Con la vostra donazione sostenete le nostre attività a favore delle persone colpite dal conflitto.

La Croce Rossa Svizzera, la sua fondazione e il suo sviluppo

Tabella dei contenuti

object-commentsContatti

Dal 1866 la Croce Rossa Svizzera opera a favore di un mondo più umano. Se nei primi anni seguenti la sua fondazione sosteneva esclusivamente il servizio sanitario dell’esercito, oggi è divenuta l’organizzazione umanitaria più importante e conosciuta del nostro Paese.

Solferino: dove nasce l’idea di Croce Rossa

Il 24 giugno 1859 Solferino è teatro di una sanguinosa battaglia. Lo svizzero Henry Dunant assiste a uno spaventoso scenario fatto di migliaia di morti e feriti. Dopo aver soccorso i sopravvissuti testimonia per iscritto la mancanza di cure mediche.

Nel suo libro «Un ricordo di Solferino» Henry Dunant auspica la fondazione di associazioni di assistenza basate sul volontariato. Ha inoltre l’idea di organizzare un’assemblea internazionale per definirne i Principi fondamentali.

Nel 1863 Henry Dunant e alcuni altri filantropi fondano a Ginevra il Comitato internazionale della Croce Rossa.

17 luglio 1866: fondazione della Croce Rossa Svizzera (CRS)

  • Fondazione della CRS a Berna sulla scia del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR)

  • Fondatori: il generale Guillaume Henri Dufour e il consigliere federale Jakob Dubs

  • Scopo: coadiuvare il servizio sanitario dell’esercito svizzero e assistere le famiglie private del loro sostegno dalla chiamata alle armi

1866-1914: crescita e consolidamento

Nei primi anni la creazione e lo sviluppo dell’organizzazione incontrano non pochi ostacoli. Il primo intervento a segnare la storia ha luogo nel 1871 quando, nel corso della Guerra franco-prussiana, la CRS accoglie e assiste oltre 85 000 soldati dell’esercito francese.

La CRS conosce un veloce sviluppo negli anni 1880, i quali vedono la fondazione della Società Svizzera delle Truppe Sanitarie e della Federazione svizzera dei samaritani.

Le strutture dell’organizzazione si consolidano all’inizio del 20° secolo con la creazione di sezioni regionali e cantonali. Nello stesso periodo diventa operativo anche il Segretariato centrale, incaricato di coordinare le attività della Croce Rossa Svizzera, della Federazione svizzera dei samaritani e della Società Svizzera delle Truppe Sanitarie.

Un’ulteriore pietra miliare è la fondazione, nel 1899 a Berna, della Scuola per infermiere del Lindenhof. Fino ad allora la formazione in cure infermieristiche era offerta da istituzioni religiose. A partire da quel momento essa diventa accessibile a tutti.

Le prime missioni all’estero hanno luogo all’inizio del 20° secolo. La CRS invia prima una delegazione di medici in Sudafrica durante la guerra dei Boeri e in seguito va in soccorso degli abitanti di Messina colpiti dal terremoto.

Con il decreto federale del 1903 viene formalmente sancito il ruolo svolto dalla CRS al servizio dell’esercito e nell’ambito della promozione delle cure infermieristiche.

1914-1945: le due guerre mondiali

La CRS è operativa durante entrambe le guerre mondiali e presta aiuto sia ai soldati che alla popolazione civile. Si impegna inoltre nella lotta all’influenza spagnola, organizza soggiorni di convalescenza per soldati provenienti dall’estero e distribuisce generi alimentari. Durante la Seconda guerra mondiale la Croce Rossa Svizzera crea un servizio di donazioni di sangue e promuove la formazione in cure infermieristiche. A livello internazionale dà il via a una serie di programmi di aiuto destinati ai bambini di molti Paesi europei.

Queste numerose attività le valgono un grande prestigio a livello nazionale e internazionale.

Dal 1945 ai giorni nostri: sviluppo

Dopo la fine della Seconda guerra mondiale la CRS continua a sviluppare le sue attività concentrandosi sempre di più sull’aiuto civile, a scapito della missione in seno all’esercito. Contribuisce in maniera importante alla creazione dei sistemi sanitario e sociale svizzeri. Assume la direzione del servizio di trasfusione di sangue. Si impegna a promuovere le cure extra-ospedaliere e l’ergoterapia. Anno dopo anno il suo impegno in ambito socio-sanitario aumenta. Vengono così organizzati, ad esempio, il servizio trasporti, il servizio di visite a domicilio e la formazione per collaboratrici e collaboratori sanitari.

La CRS contribuisce inoltre alla sempre maggiore professionalizzazione delle cure sanitarie e infermieristiche e all’evoluzione delle organizzazioni di soccorso (SSTS, FSS, SSS, Rega, REDOG).

Oggi la CRS offre assistenza anche ai richiedenti l’asilo e ai migranti. All’estero interviene per prestare soccorsi di emergenza dopo una catastrofe e partecipare alla ricostruzione.

Condividi questa pagina